CO2 alta pressione

Il biossido di carbonio è un gas non corrosivo, inodore e incolore. Durante l’erogazione assume l’aspetto di un vapore bianco, non sporca e non rovina i materiali con i quali viene a contatto.
Il suo principio estinguente è duplice in quanto agisce per soffocamento riducendo la concentrazione di ossigeno presente nell’area e per raffreddamento intenso dovuto alla rapida espansione del gas.
 
Il biossido di carbonio non deve essere utilizzato per la protezione di aree normalmente occupate dal momento che l’inalazione può portare all’asfissia anche in basse concentrazioni. Inoltre durante la scarica la visibilità è ridotta a causa della formazione di nebbia. Quando devono essere protette aree normalmente non occupate l’impiego di tale estinguente è possibile a condizione che siano utilizzati opportuni dispositivi di sicurezza.
 
Dopo l’intervento, il locale interessato deve essere ventilato adeguatamente, tenendo presente che, essendo più pesante dell’aria, il biossido di carbonio si concentra nelle zone basse.
 
Negli impianti fissi ad alta pressione il biossido di carbonio viene stoccato in contenitori alla pressione di 58.6 bar, a 21°C. L’impianto è costituito da una serie di bombole collaudate a 250 bar, della capacità di 67.5 lt, caricate con un coefficiente di riempimento pari a 0.75kg/lt o a 0.67kg/lt. Una serie di accessori quali valvole a flusso rapido, maniglie di comando, comandi elettropneumatici, collettori di raccolta, raccordi flessibili, coni di erogazione, comandi manuali, sirene ecc. completano l’impianto.
 
Le bombole possono essere staffate a muro oppure installate all’interno di una struttura metallica autoportante a 10 o 4 posti. Il controllo delle perdite di agente estinguente deve essere eseguito mediante pesatura. Per il monitoraggio continuo dello stato di carica delle bombole, Euro Gardian propone un dispositivo a contrappeso con bombola sospesa oppure una bilancia a terra.
 
VANTAGGI
 
- Bassi costi di ricarica
- Saturazione totale e applicazione locale
- Adatto per l’utilizzo in presenza di braci covanti
- Non lascia residui dopo la scarica
- Non danneggia lo strato di ozono
- Elettricamente non conduttivo
- Non forma prodotti di decomposizione a contatto con le fiamme
- E’ il gas estinguente più utilizzato in ambito industriale
 

APPLICAZIONI
 
Tra le tante possibilità di protezione possiamo citare come esempio l’applicazione per:
- Apparecchiature elettriche (macchine, trasformatori, ecc.).
- Cabine di verniciatura, forni di essiccazione ecc.
- Centrali elettroniche e centri elaborazione dati.
- Magazzini chiusi, condotti e cunicoli per polveri ecc.
- Macchine per filatura di tipo chiuso.
- Sili.
- Archivi e biblioteche.
- Materiali liquidi e gassosi.
- Trafilerie, laminatoi.
- Vani motore.
- Vasche per tempra.
- Applicazioni su macchinari vari.
 
TIPOLOGIE DI IMPIANTO
 
L’impianto a saturazione totale consente di raggiungere entro uno spazio chiuso la concentrazione di biossido di carbonio necessaria per ottenere l’estinzione. I tipi di incendio contemplati nel sistema saturazione totale sono:
- Fuochi di superficie che interessano liquidi, gas o solidi infiammabili,.
- Fuochi profondi che interessano materiali combustibili solidi soggetti a formare braci covanti. Per evitare il rischio di riaccensione nel momento in cui l’atmosfera inerte si dissipa, la concentrazione di estinzione deve essere mantenuta nel tempo per permettere al materiale di raffreddarsi.
 
Per applicazione locale si intendono incendi di superficie (liquidi infiammabili, gas e solidi) da proteggere all’interno di volumi ampi e che richiedono un intervento circoscritto alla sola zona interessata dal sinistro.
 
TEMPI DI SCARICA
 
I tempi di scarica per i fuochi di superficie devono risultare non superiori a 1 minuto. Per gli incendi che comportano braci covanti , la concentrazione di progetto può essere raggiunta in un tempo di circa 7 minuti. In caso di applicazione locale la scarica deve essere di almeno 30 secondi.
L’integrità del volume protetto di tutti i sistemi a saturazione totale deve essere controllata per localizzare e quindi sigillare qualunque perdita d’aria significativa, che potrebbe portare all’incapacità del volume di mantenere la concentrazione della sostanza estinguente per il periodo di permanenza specificato. Tale verifica deve essere eseguita con il “Door Fan Test”.
 
La scarica dell’estinguente nel volume protetto determina una sovrappressione che viene bilanciata dall’utilizzo di una o più serrande di sovrappressione, determinate dal calcolo computerizzato.
 

Caratteristiche/Features


NORMATIVE DI RIFERIMENTO
 
La progettazione del sistema può essere eseguita in accordo a diversi standard internazionali con l’ausilio di software per il calcolo dei tempi di scarica e delle forature delle sezioni di passaggio degli ugelli. Le normative di riferimento per la progettazione dell’impianto sono:
 
- NFPA 12 Standard on Carbon Dioxide Extinguishing Systems
- APSAD R13 Règle d’installation – Extinction automatique à gaz
- ISO 6183 Fire protection equipment – Carbon dioxide extinguishing systems for use on premises – Design and installation
- CEA4007 CO2 systems Planning and Installation
- VdS 2093en CO2 Fire Extinguishing Systems
 
DATI TECNICI
 
Denominazione chimica Diossido di carbonio
Formula chimica CO2
Densità a 0° C e a 0,101 MPa 1.98 kg/m3
Densità relativa all’aria 1.5
Temperatura critica 31 °C
Tensione di vapore a -18°C e 21°C 20.7 e 58.6 bar
Capacità bombole 67.5 litri
Diametro esterno bombole 267 mm
Altezza bombole 1600 mm
Peso bombola completa 130 kg
Coefficiente di riempimento massimo 0.75 kg/litro
Concentrazione di progetto per fuochi con formazione di braci covanti NFPA12 (% in volume)
Rischi elettrici a secco 50% da mantenere per almeno 20 minuti
Archivi cartacei 65% da mantenere per almeno 20 minuti
Concentrazione di progetto per combustibili liquidi e gassosi NFPA12 (% in volume)
Metano, diesel, benzina 34%
Alcool etilico 43%
Idrogeno 75%
 
 
 
CERTIFICAZIONI
 
Il sistema di qualità della Euro Gardian certificato ISO9001 garantisce la completa rintracciabilità dei prodotti. Gli impianti di spegnimento sono conformi ai requisiti della direttiva europea sulle attrezzature a pressione (PED 97/23/CE). I componenti sono conformi, oltre alla PED, anche alla direttiva sui prodotti da costruzione (CPD 89/106/CE) e alle normative della serie EN12094.
 
Download Brochure CO2

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X